daria_bignardi

L’amore che ti meriti

By benedetta.barbieri, gennaio 2016

Ferrara, anni settanta. Alma e Maio, due fratelli adolescenti, vivono in una sorta di reciproca dipendenza. Durante l’estate, Alma propone per gioco al fratello di provare l’eroina, una sola volta, l’ultima sera di libertà prima di raggiungere i genitori per le vacanze. Ma mentre lei passa indenne attraverso la droga, Maio resta segnato e un giorno scompare.
Bologna, trent’anni dopo. Antonia, che tutti chiamano Toni, è l’unica figlia di Alma. Vive con Leo, commissario di polizia conosciuto durante uno dei sopralluoghi per i gialli che scrive. Ignora tutto di Maio, la madre non le ha mai raccontato nulla, forse per proteggerla o forse perché non ha mai smesso di sentirsi in colpa. Ma quando Alma viene a sapere che Antonia è incinta, non riesce più a mantenere il silenzio di cui si è fatta scudo. Antonia, di fronte a un segreto che ha cancellato ogni traccia del passato di sua madre e quindi anche del proprio, decide di tornare a Ferrara per cercare Maio. In quella città silenziosa, attraverso una serie di incontri che fanno trapelare di volta in volta uno spiraglio di verità, inizia una ricerca che pensa di condurre in nome della madre, ma che sempre più condurrà per se stessa, fino a diventare rivelazione.
Romanzo delicato, dalla scrittura scorrevole e avvincente, che si fatica a smettere di leggere. Ci si muove per i luoghi raccontati insieme ai personaggi e ci si immerge nella provincia padana con l’afa e le zanzare estive prima, con la nebbia che ti bagna i capelli e il freddo delle umide sere invernali che ti entra nelle ossa dopo.
Una storia a due voci, di Alma e di Antonia, che si alternano capitolo per capitolo, raccontando di una famiglia, dei suoi segreti e del bisogno di fare pace con il passato, il quale non deve essere solo svelato, ma risolto. La scrittura di Alma è nostalgica ed è quasi adolescenziale, perché la sua vita si è fermata a diciassette anni, mentre quella di Antonia è più decisa, coraggiosa, perché è quella di una trentenne che vuole scoprire il mistero delle proprie origini e fare finalmente chiarezza per sua mamma, per sè e soprattutto per sua figlia.

What do you think?

You must be logged in to post a comment.